Torta (del) Paradiso!

Dopo la torta margherita, finalmente l’articolo su un’altra torta da credenza che amo particolarmente, la torta paradiso, in particolare trattasi della torta paradiso moderna di Iginio Massari.

Le due torte sembrano molto simili tra di loro come struttura, ma in realtà non lo sono, perchè pur avendo gli stessi ingredienti il procedimento per la loro preparazione è del tutto diverso. Nella torta margherita le uova vengono montate con lo zucchero e il burro viene incorporato fuso e freddo alla montata (è come se si volesse appesantire una massa montata di uova), nella torta paradiso è il burro morbido ma non fuso ad essere montato con lo zucchero e la massa montata di uova o albumi viene incorporata alla fine (alleggeriamo una massa più pesante). Cambia dunque la struttura finale, nel primo caso più areata, nel secondo più fitta.

Quando ho sfornato il dolce e ho assaggiato dopo qualche ora la prima fetta ho avuto un pò di paura. Al taglio la torta sembrava dura, ma al primo assaggio mi sono sciolta come il boccone che avevo in bocca! Sarà per l’alta percentuale di burro che questa torta è così scioglievole, ma vi posso garantire vi farà fare un figurone.

La torta paradiso è un dolce lombardo della fine dell’800, orignario di Pavia. Leggenda vuole che sia stata inventata da un frate erborista. Il religioso successivamente la propose ai suoi confratelli che, colpiti dalla bontà del dolce, la chiamarono la “Torta del Paradiso” appunto. Se seguirete la ricetta che sto per proporvi otterrete una torta ottima da servire a colazione o a merenda.

Vediamo insieme la ricetta di questa meravigliosa torta paradiso:

Ingredienti

  • Burro chiarificato 250 gr (quello nella scatola di latta per intenderci, ma se non lo trovate va bene burro normale)
  • Zucchero al velo 250 gr
  • Vaniglia bacca 1 (i semi grattati dall’interno della bacca)
  • Limone grattugiato 1
  • Liquore a vostra scelta 20 gr (io ho utilizzato Cointreau)
  • Tuorli 100 gr
  • Sale 1 pizzico
  • Fecola 100 gr
  • Farina 150 gr
  • Lievito per dolci 5 gr
  • Uova 350 gr
  • Zucchero 50 gr
  • Tortiera da 24 cm di diametro imburrata e infarinata

Metodo di preparazione

Tira fuori dal frigo il burro un paio d’ore prima di iniziare, in modo che si ammorbidisca senza sciogliersi.

Inizia a pesare tutti gli ingredienti in maniera da poter procedere nel modo più spedito possibile.

Setaccia per un paio di volte le polveri, quindi la farina, la fecola e il lievito per dolci (anche indicato in alcune ricette come baking).

Monta il burro con lo zucchero al velo, il sale, i semi della vaniglia, la buccia grattugiata del limone e il liquore, utilizzando un frullino elettrico, oppure la foglia della planetaria. Quando avrai ottenuto una bella crema, inizia ad incorporare lentamente i tuorli, che dovranno essere a temperatura ambiente, altrimenti rischierai di far impazzire il burro, che solidificando per il freddo, si separerà formando dei grumi.

Monta le uova con lo zucchero semolato, fino ad ottenere un composto chiaro, gonfio e spumoso.

A questo punto inizia ad incorporare con la spatola le polveri, alternandole con la montata di uova.

Mescola lentamente dal basso verso l’alto l’impasto e trasferiscilo nella tortiera imburrata. Inforna a 170°C per 35/40′ circa, facendo sempre la prova stecchino alla fine. Se una volta infilzata la torta paradiso con lo spiedo, questo ne uscirà pulito, la torta sarà pronta.

Una volta tolta dal forno lasciatela riposare per circa 1 ora. Sfornatela su un vassoio, tenendo in alto la parte che prima era in basso e decoratela con abbondante zucchero al velo.

Buona Torta del Paradiso a tutti voi!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*