Home » Le zeppole di San Giuseppe

Le zeppole di San Giuseppe

Semplicemente zeppola, crema e amarena!

La festa del papà si avvicina! Anche quest’anno mi sono cimentata con la produzione delle zeppole. Solitamente realizzo la versione al forno, più leggera (si fa per dire, visto che contiene molte più uova e molto più burro di quelle fritte) e soprattutto meno impegnativa visto la mancanza del passaggio nell’olio per la frittura (che solitamente in casa crea sempre un po’ di scompiglio e ansia per via dell’odore che poi fa fatica ad andare via!).

Dopo tante ricette testate, tutte più o meno simili e tutte validissime, ho optato per quella realizzata ad un corso con il maestro Antonio Campeggio.

Come dolce nulla di impegnativo e irrealizzabile, piuttosto prestate attenzione ai vari passaggi, che potrebbero rovinare la realizzazione delle vostre zeppole!

Vediamo insieme la ricetta delle zeppole fritte:

Ingredienti

  • Burro 150 gr
  • Sale 10 gr
  • Acqua 500 gr
  • Farina 400 gr W 280
  • Uova medie 10/12 (500 gr circa)
La semplicità premia sempre: zeppola fritta con crema e amarena.

Modalità di preparazione

Metti l’acqua, il sale e il burro a pezzetti in una pentola con il fondo spesso e porta a leggera ebollizione.

Versa in un colpo solo tutta la farina setacciata, mescola rapidamente con l’aiuto di una spatola e continua a far asciugare il pastello sul fuoco fino a quando non formerà una palla e un leggero strato di farina rimarrà attaccato sul fondo.

Metti il pastello sul piano di lavoro e aprilo per farlo raffreddare velocemente, oppure mettilo nella ciotola dell’impastatrice e mescolalo con la foglia fino a quando diventerà tiepido.

A questo punto inizia ad inserire le uova. Una alla volta, aspettando sempre che il precedente sia completamente assorbito.

Puoi realizzare questo passaggio impastando a mano (io te lo sconsiglio, perché quando l’impasto comincerà ad ammorbidirsi ti ritroverai le mani piene di una specie di crema molliccia).

Io uso la mia fedele impastatrice, ma in alternativa puoi sempre utilizzare un semplice frullino elettrico.

Quando avrai ottenuto un impasto abbastanza morbido, ma non liquido, insomma la consistenza di una crema molto densa, non aggiungere più uova (quindi ne potresti utilizzare 12 o 9).

Con l’utilizzo di una sac a poche e una bocchetta rigata da 16 mm realizza su un foglio di carta forno dei dischetti da 8/9 cm di diametro (se sei approssimativo/a come me, conviene prepararti dei fogli stampati con dei cerchi che metterai sotto la carta forno e che potrai usare come guida).

Inizia a scaldare una pentola doppio fondo sul fuoco, con abbondante olio per frittura (il migliore è l’olio di semi di arachide, ma anche quello di girasole va bene). Verifica se ha raggiunto la giusta temperatura (non più alta di 175 C) mettendo un pezzetto di impasto, se torna su rapidamente significa che è pronto.

Adesso hai due alternative. Puoi passare tutte le zeppole in forno per 10′ a 175 C, giusto il tempo di farle staccare dalla carta forno e riuscire a prenderle in mano, quindi si devono un po’ seccare all’ esterno, e poi procedere con la frittura, oppure puoi tagliare la carta forno dove hai realizzato le ciambelline e inserire direttamente le zeppole nell’olio bollente a pancia sotto, cioè con la carta forno verso l’alto.

Zeppole della tradizione salentina

Se hai optato per quest’ultima modalità non rigirare la zeppola fino a quando la parte immersa nell’olio non sarà bella colorata e il foglio di carta forno non si sarà staccato da solo.

Solo a questo punto gira la zeppola e procedi con la cottura fino a quando non avranno un bel colore dorato e saranno completamente asciutte.

Sgocciolale su della carta assorbente e procedi con la frittura.

Puoi anche passare la zeppola appena tolta dall’olio direttamente nello zucchero semolato, oppure spolverare le zeppole una volta fredde con dello zucchero al velo.

A voi la scelta, io le preferisco nature!

Per la crema potete usare quella del pasticciotto, se non avete amido di riso sostituitelo con la farina.

Se preferite la versione senza amarena, con un ciuffo di crema al cioccolato, prelevate un po’ di crema al naturale e aggiungetela ancora calda a del cioccolato fondente sciolto.

Buona festa del papà a tutti!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*