Home » Il Natale non è Natale senza “Li Purceddhruzzi”

Il Natale non è Natale senza “Li Purceddhruzzi”

Li purceddhruzzi salentini

Tradizione vuole che, in particolare nella città di Lecce, quasi tutte le famiglie preparino questi mielosi e croccanti dolcetti di pasta frolla: li purceddhruzzi.

C’è chi ne prepara in quantità industriali per poterli regalare ad amici e parenti, c’è chi ne prepara giusto un pò per tradizione e c’è chi opta per l’acquisto, o semplicemente aspetta perché sa che li riceverà in dono.

Li purceddhruzzi o si amano o si odiano, fatto sta che una volta che li avrete assaggiati la prima volta non ne potrete più fare a meno, uno tira l’altro e diventano come le ciliegie. Sono croccanti e frolli nello stesso tempo, quasi insapori nella versione non passata nel miele, ma vi garantisco che questo dolce povero nulla ha da invidiare ad altri blasonati dolci salentini tipo il pasticciotto o la pasta di mandorle.

La ricetta de li purceddhruzzi è di una semplicità disarmante, ed in genere come tante altre ricette della tradizione, ogni famiglia custodisce gelosamente una sua versione e la stessa ricetta fatta in famiglie diverse darà sempre risultati differenti (trovo la cosa davvero fantastica!).

Uno step un pò noioso nella preparazione de li purceddhruzzi è il momento della frittura, e c’è chi oggi opta per la versione al forno, ma è sempre secondo me un modo per godere a metà.

Io vi do qui una delle mie mille versioni provate, che a me piaciuta molto e adesso tocca a voi provarla!

Ingredienti

Per li purceddhruzzi

  • Farina per dolci 900 gr
  • Farina di semola di grano duro 100 gr
  • zucchero 200gr
  • Alcool puro per liquori 100 gr
  • Vino bianco 100 gr
  • Olio di semi di girasole 100 gr
  • Spremuta di 4 mandarini (100 gr circa)
  • 1 baccello di vaniglia
  • Buccia grattugiata di 2 arance, 2 limoni e dei 4 mandarini utilizzati per la spremuta
  • 2 bustine di lievito per dolci
  • sale 1 pizzico (5 gr)
  • 2 L di olio di semi d’arachidi (quello che ha un punto di fumo più alto e quindi il più adatto alla frittura)

Per la glassatura

  • Miele millefiori locale 1 kg
  • 1 cucchiaio di zucchero
Li purceddhruzzi salentini

Metodo di preparazione

Li Purceddhruzzi

Fai una fontana con la farina sulla spianatoia e aggiungi progressivamente tutti gli ingredienti.

Impasta fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Lascia riposare l’impasto per 20/30′ coperto sotto ad un canovaccio.

Comincia a far scaldare l’olio di semi in una pentola dai bordi alti, per una frittura perfetta l’olio non deve mai bruciarsi, per intenderci non devi scaldarlo tanto da farlo arrivare a fumare!

Dividi la pasta in 4 o 5 panetti e con uno di essi, allungandolo forma un lungo cordoncino, che poi taglierai in piccoli tocchetti con un coltello senza lama.

Infarina i pezzetti di pasta e mettili man mano che li prepari in dei vassoi di carta, così avranno il tempo di asciugarsi mentre termini tutta la pasta.

Quando avrai terminato friggi i tocchetti di pasta nell’olio caldo, in piccole quantità. Fai attenzione perché formano molta schiuma durante la cottura.

Scola li purceddhruzzi man mano che sono pronti (assumeranno un bel colore dorato), e disponili in una teglia foderata con carta assorbente.

La glassatura

Puoi procedere con la glassata anche il giorno successivo, o puoi farla subito dopo la loro preparazione.

Utilizza una pentola larga e basa, in cui verserai tutto il miele e il cucchiaio di zucchero. Scalda lentamente, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.

Quando comincerà a fare le prime bolle, versa tutti li purceddhruzzi, se la pentola è abbastanza capiente per contenerli.

Mescola velocemente con il cucchiaio, in maniera che tutti i tocchetti siano ricoperti di miele, aspetta qualche minuto, (anche 5/10′) continuando a mescolare di tanto in tanto e poi spegni.

Fai intiepidire il tutto per 10′ circa, in modo che il miele non sia troppo liquido e dopo comincia a riempire i vari contenitori!

Quando avrai terminato, completa il tutto con le codette colorate e gli anisini e se vuoi puoi aggiungere anche delle gocce di cioccolato.

Ricordati di mescolare li purceddhruzzi di tanto in tanto mentre prepari i piattini, perché altrimenti il miele rimane tutto sul fondo!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*